Intermezzo ventoso

6 marzo, 2008

La pashmina color cielo dal meridiano nevralgico, annodata dietro l’orecchio destro, l’ho messa sul parallelo della bocca e del naso. Pulendo la stanza sollevo nuvole di polvere. Apro la finestra per farle uscire, ubbidiscono ma le vedo rimanere in sospensione e subito spinte avanti e gli alberi, dietro, piegarsi. Chiudo precipitosamente la finestra.

Tolti i guanti sul divano, le finestre alle spalle e a destra, leggo un libro ritrovato. Il rumore di un camion, uno di quelli grossi, forse un tir. O un autobus. Per accertarmene nel dubbio mi volto e gli alberi stanno tornando a fatica in verticale.

Il vento ha modificato il suo verso per armonizzarsi con l’ambiente sonoro quando soffia in città, campionando il traffico pesante. Come i tir trasporta a lunghe distanze sabbia. Non era un autobus in effetti.

Dovrei verificare se in campagna mantiene questo rumore, per abitudine o pigrizia. o preveggenza. Prima sfoglio fino alle fine il libro, grande formato, che non mi sembra quasi di aver già letto: folate da interni.  

Annunci

4 Risposte to “Intermezzo ventoso”

  1. spiumato Says:

    paò 😀

  2. Falìa Says:

    In campagna il vento sibila e trasporta più velocemente il letame per concimare.
    Penetra tra la finestre e il davanzale e rafforza le piantine domestiche.

  3. spiumato Says:

    sibila….quindi per davvero si adatta quando viene in città, per passare inosservato e tornare se stesso solo fuori, senza essere nè pigro nè abitudinario nè preveggente. è vento che non nasce in città allora.

    grazie di aver verificato per me, ma così alimenti la mia pigrizia! il libro avevo finito di sfogliarlo, avrei dovuto alzarmi e andare a controllare 😉

    cosa che dovrò fare cercando il punto dove lascia la sabbia adagiarsi e poi si carica di particelle di letame. viaggerà più velocmente forse perchè trova meno traffico, e non deve seguire i sensi unici o farsi bloccare dagli ingorghi.
    è dolcissimo (e pieno di delicatezza e di discrezione, passando nelle fessure) il modo con il quale la natura all’aperto si prende cura delle piante in “cattività” nutrendole, andandole a trovare una per una nelle loro case 😀


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: