In bagno senza bagnarmi prima di fare il bagno.

11 settembre, 2008

In bagno, mi spoglio. Nudo apro l’acqua del rubinetto della vasca. Per esperienza so già che il fondo è freddo, aspetto che si scaldi abbastanza. l’acqua per scaldarlo. Mentre lascio scorrere l’acqua mi appollaio sul bordo della vasca, dove è incavato per accogliere la saponetta. Che ovviamente non c’è: solo sapone liquido.

I piedi sul bordo: i talloni uniti, le punte divaricate come le cosce: accosciato io. A volte invece, piedi paralleli, sono proprio accovacciato, le cosce aderenti al petto, le ginocchia -all’altezza delle clavicole- accolte nell’incavo tra braccia  e petto, il torso che si appoggia alle cosce. Un blocco unico che guarda il fondo della vasca con i miei occhi.

Come un uccello in riva ad un laghetto che scruta in cerca di pesci o di girini nascosti sul fondo. Bianco e vuoto. Si vede solo il tappo dello scarico. (A volte lo vedo chiuso sotto vari centimetri dell’acqua per il bagno.) Fisso immobile il fondo fino a svuotarmi di ogni pensiero. 

Quando l’acqua scroscia finalmente calda chiudo il rubinetto. E ritorno bipede umano, mi rivesto senza essermi nemmeno bagnato, se non la punta delle dita. A volte: quando mi serve solo stare nudo. Per un po’, a meditare.

Se no, entro nella vasca. La pelle del primo piede che tocca il fondo lo sente finalmente caldo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: