Inverno candido e leggero.

12 febbraio, 2010

Mi sveglio a pancia sotto, il braccio destro dietro la schiena, il polso posato sui reni, il palmo destro verso l’alto. La mano rilassata nella posizione contratta di difesa, terrorizzata dalla coltre bianca del piumino invernale. Le dita puntellano a impedire il contatto tra la pelle e il piumino. Ci metto un po’ a spiegare alla mano che non si tratta di una valanga che mi avrebbe sommerso. solo in sogno semmai.  Suo però, io non lo ricordo affatto.

Seppellita è l’altra mano. Sotto il mio corpo.

Annunci

2 Risposte to “Inverno candido e leggero.”

  1. Silvia Says:

    In certi casi la neve può diventare una minaccia; ma di certo non quella tenera di pianura.

  2. spiumato Says:

    se è fatta di falìe nessuna neve è una minaccia 🙂
    son proprio contento che ne cadano di nuovo qui: è più bello se ricoperto da uno strato candido e delicato.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: