Studio per una crocifissione, se avessi studiato.

17 aprile, 2010

Già disteso a letto, sul fianco destro mi ricordo che mi son dimenticato la crema. La spalmo sulle mani, a lungo, ma non penetra bene e velocemente.  Le mani giunte per evitare di sporcare con i palmi, intreccio le dita per tenere più comodamente la posizione. Giusto in tempo piego in avanti il polso destro, stavo per ungere la federa con il dorso, e coerentemente la catena cinematica piega indietro il polso sinistro.

Riconosco la posizione: le meni di un giovane, o di una della donne, sotto una croce.  Non avevo mai visto così da vicino questo gesto della disperazione. Ma sono sereno, tanto che… gli occhi mi si son chiusi per un istante, li riapro in tempo per vedere che il polso sinistro è prolassato verso il basso, spingendo il destro a ruotare verso sinistra: il massimo spasmo della disperazione che torce le membra. Rilassate, chè per questo che si è verificato quel movimento…zzzzzzzz.

Annunci

Una Risposta to “Studio per una crocifissione, se avessi studiato.”

  1. Silvia Says:

    Non riesco a mettermi la crema sulle mani: mi sembra che queste diventino sempre troppo unte per poterle poi usare, in qualsiasi caso.
    L’unico modo, appunto, sarebbe quello di tenere le mani intrecciate (come una Maria di Magdala che, guarda caso, ha sempre vicino a sé un unguento)


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: